Adidas, il brand dalle tre strisce

Adidas è l’azienda europea più importante del mondo nella produzione di articoli sportivi.
Tutti conosciamo i prodotti che Adidas mette sul mercato, ma come è nato il brand dalle tre strisce?
Tutto ebbe inizio nel 1920, quando in una piccola città tedesca nelle vicinanze di Norimberga chiamata Herzogenaurach, Adolf Dassler iniziò a progettare nella lavanderia della madre a delle scarpe specifiche per fare sport. Non solo, pensò bene che ogni sport necessitasse di una scarpa specifica che aiutasse a migliorare le prestazioni. Visto il risultato ottenuto possiamo affermare che fu una vera e propria intuizione!
Procediamo per gradi.

Nel 1924 Adolf, insieme al fratello Rudolf aprirono nella loro città la Gebrüder Dassler Schuhfabrik (La Fabbrica di Scarpe dei Fratelli Dassler), un negozio con il retrobottega nel quale Adolf progettava i suoi modelli.

fabbrica-fratelli-dassler Adidas, il brand dalle tre strisce
Fabbrica dei fratelli Dassler a Herzogenaurach

L’unione delle forze dei due fratelli fu il mix perfetto perchè uno, Adolf, la mente ideatrice dei modelli, un vero e proprio inventore spinto dal vento della passione per il suo lavoro; l’altro Rudolf era quello che oggi chiamiamo “genio e sregolatezza”, abile venditore, amante del mondo e delle donne.
La prima importante intuizione fu quella di inserire dei tacchetti nelle scarpe da atletica in modo da migliorare notevolmente le prestazioni garantendo una ottima aderenza.
Adolf era lui stesso un un atleta e seguendo in prima linea eventi di atletica per tutta Europa, riuscì a far calzare le sue prime “invenzioni” agli atleti partecipanti alle Olimpiadi di Amsterdam del 1928. Fu proprio in quell’anno che arrivò il primo successo marchiato Dassler, con l’oro olimpico vinto da Linda Radke negli 800 metri femminili.

Nel 1931 Adolf crea le prime scarpe da tennis.

Il primo vero grande trionfo targato Adolf Dassler è nel 1936 quando Jesse Owens vince 4 ori olimpici alle Olimpiadi di Berlino firmando record con ai piedi le scarpe di Adolf Dassler.

La Gebrüder Dassler Schuhfabrik è in continua ascesa e  Adolf continua a ideare scarpe per ogni tipo di sport: già nel 1937 si contano 30 modelli diversi per 11 sport diversi.

Il rapporto fra i fratelli piano piano inizia a scricchiolare. Siamo nel periodo storico della seconda guerra mondiale. Rudolf Dassler viene chiamato al fronte mentre il fratello Adolf rimane nella cittadina diHerzogenaurach. Durante la guerra Rudolf viene catturato prigioniero dagli americani che gli dicono che la spiata sia stata fatta da un membro della sua famiglia. Rudolf pensa che sia stato il fratello. I rapporti fra i due diventano tesi e ci sono voci che dicono che Rudolf abbia una relazione con la moglie di Adolf. Non ci sono fonti certificate ma l’unico fatto certo è che i due sono in rottura totale. Decidono così di dividere le loro strade e creare ognuno una propria azienda.

È il 1948 e la divisione dei due fratelli Dassler porta ad un evento storico nel mondo dello sport.
Adolf Dassler, soprannominato Adi, crea la sua fabbrica di scarpe sportive e le dà il suo nome: ADIDASsler. Nasce così Adidas!
Rudolf Dassler a sua volta crea la sua fabbrica di scarpe sportive che prima chiama Ruda (anche in questo caso utilizzando le lettere del suo nome RUdolf DAssler), che però poi prenderà l’attuale nome: PUMA.

Negli anni successivi Adolf continua a creare le sue scarpe per sport e si orienta principalmente verso il calcio. Nel 1950 nascono le Adidas Samba, scarpe ideate per gli allenamenti calcistici.
Adolf ha una passione sfrenata per il suo lavoro e continua a ideare nuovi dettagli per rendere le sue scarpe uniche.

adolf-dassler Adidas, il brand dalle tre strisce
Adolf Dassler all’opera con le sue scarpe tacchettate

Nel 1954 si giocano i Mondiali di calcio in Svizzera e Adidas è lo sponsor della nazionale della Germania dell’Ovest. I tedeschi vanno in finale. Quel giorno a Berna piove e il campo di calcio è molto bagnato. Adolf Dassler è allo stadio a seguire la partita e a fine primo tempo scende negli spogliatoi per cambiare i tacchetti delle scarpe dei calciatori per adattarli meglio alle condizioni del campo. La Germania Ovest vince per 3-2 sull’Ungheria e una parte di merito se la prende Adolf Dassler con le sue Adidas da calcio con i tacchetti intercambiabili…

Nel 1960 alle Olimpiadi di Roma la maggior parte degli atleti indossa scarpe Adidas. Per la prima volta si vedono sulle scarpe Adidas tre strisce orizzontali situate ai lati delle scarpe all’altezza della metà del piede. Questa apposizione fu creata inizialmente per dare maggior sostegno e resistenza alle scarpe ma di lì a poco diventerà il marchio di fabbrica dei prodotti Adidas che troviamo ancora oggi.
Nello stesso periodo Adidas comincia a produrre abbigliamento sportivo che ottiene in breve tempo enorme successo grazie ai principali uomini e donne di sport che lo indossano.

LOGO

Il logo Adidas, creato nel 1972, rappresenta un trifoglio tagliato nella base inferiore da tre striscie orizzontali e parallele. Si scelse la forma di trifoglio in quanto rappresenta lo spirito olimpico, legato alle tre placche continentali.

Dal 1996 il logo principale venne modificato e si evolse in quello a “tre bande”.  Il logo Adidas è composto da tre strisce parallele che stilizzano una montagna, simboleggiando gli obiettivi e le sfide che ci attendono nella vita. Infine le tre linee (strisce) parallele, seguono l’ideologia dell’azienda e cioè quella di trasmettere un’idea di benessere.

La politica di Adidas  da sempre incarna pienamente le idee e la passione del suo creatore Adolf Dassler e arrivando fino ai giorni nostri, Adidas è senza dubbio un colosso mondiale nella produzione di articoli sportivi, principale e unico concorrente mondiale di Nike.

Enjoy Your Sneaker.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *